#GOALS: Sofia Coppola

Inchiniamoci tutt* e baciamo i piedi avvolti in stivaletti Céline di questa splendida donna. Cosa aspettarsi dalla regista che ha plasmato film meravigliosi come Il giardino delle vergini suicide, Lost in Translation e Marie Antoniette? La sua estetica raffinata è applicata anche al suo stile minimal super elegante e super “ma se io mi vesto così paio una che sta andando a far la spesa, ma come fa?“. Un po’ francese, un po’ newyorkese, Sofia gioca con i neutri, le righe e i grandi classici, rivisitandoli sempre.

sofia-coppola-en-valentino-et-collier-chopard

7f24b80d82161eb045266882bc971b13

sofia-coppola-best-dressed-760x1149

blingringnewyorkscreeningvyvamtuhj7dx

hbz-100-most-stylish-sofia-coppola-bfa-1339959-lg

Cose fiche che non ho i soldi per comprare: Il top a righe

Direttamente dalle riviste di maglieria anni ’80, torna dirompente il top in maglia a righe. Che sia lungo o corpo, con maniche o senza, a costine o non, il dictat è solo uno: mille righe, di diversa ampiezza e colore. Meglio se abbinato ad una gonna coordinata, ma anche con i mommy jeans a gamba dritta e a vita alta. Se cercate negli armadi delle mamme/zie/sorelle maggiori e nei mercatini vintage ne troverete a bizzeffe!

Cose fiche che non ho i soldi per comprare: il top a right

 

Monday Sucks: NYFW Highlights

Anche quest’anno, la sessione d’esami invernale mi ha impedito di partecipare attivamente alla NYFW, che ho seguito da lontano nel caldo comfort della mia casa. (Uscire di casa mezza nuda su tacchi vertiginosi per andarmi a vedere la meravigliosa sfilata di Marchesa? Ma siamo pazzi?). Per chi, dunque, come me è stato costretto da motivi di forza maggiore a saltare questa Settimana della Moda, ho preparato l’ormai classico RIASSUNTONE.

La NYFW è, per molte ragioni, un grande calderone di tendenze. Quelle più interessanti sono:

  • Un gradito ritorno del gotico, dalle atmosfere cupe e vittoriane, pur stemperate da qualche elemento moderno.
  • Cascate e cascate di velluto degno dei migliori tendaggi.
  • Tartan e quadretti, grandi e piccini.
  • Un fantastico e davvero difficile da portare mix & match della Londra anni ’70.

GOTICO

IMG_4339

Da sx, sembra uscito da un film di Tim Burton il look di Marc Jacobs: ampia gonna in pizzo, felpa grigia, colletto vittoriano e pazzeschi stivali platform; bellissimo l’outfit DKNY composto da pantaloni in seta e top a collo alto in pizzo, avvolti in un soprabito incrociato metà in velluto e metà in pizzo; gotico minimale per  l’abito a rete e pailettes di Derek Lam, portato sopra un maglioncino a costine color carne.

VELLUTO

IMG_4340

Da sx, originale l’abito-piumino in velluto blu di Lacoste, abbinato agli stivali di vernice; M. Martin sceglie una tuta con cintura in vita color oro e mocassini neri; bellissimo anche l’abito monospalla con profondo spacco sulla gamba di Mouse, portato con degli sandali furry.

QUADRETTI

IMG_4341

Da sx, adoro questo look di Alexander Wang, composto da top in peluche color ottanio, gonna check con inserti in pelle, anfibi bianchi e calze decorate; Calvin Klein sceglie i quadretti per il completo grigio-blu fatto da giacca con pelo e inserti in pelle e gonna con lo spacco; fantastico il cappotto lungo di Jason Wu, abbinato a giacca e pantaloni furry.

ANNI SETTANTA

IMG_4342

Da sx, direttamente uscito dai seventies il completo blusa e pantaloni a fiori di Anna Sui, portato con una giacca tartan con orlo in pelo; tutto coordinato l’outfit stampato di Rachel Zoe con frange e pelo; Diane Von Fustenberg sceglie una blusa a fiori, una gonna in camoscio con inserti dello stesso tessuto della sciarpina e stivali abbinati: fantastica.

Cazzo mi metto #18

Per questo outfit, ho pensato ad atmosfere dark alla Bauhaus e alla Siouxsie And The Banshee. La camicia bianca con cravattino nero è un grande classico, indispensabile in ogni armadio. Questa volta la rendiamo un po’ retrò con un paio di pantaloni palazzo di velluto rosso – velluto che sarà il grande protagonista del prossimo inverno, segnatevelo da qualche parte. Con un mezzo tacco e una borsa da divano della nonna (vostra nonna ce l’ha il divano Gucci?) l’originalità è assicurata!

Cazzo mi metto #18

 

#GOALS: Sky Ferreira

Sky Ferreira è un sacco di cose: cantante, modella, attrice, amicona di Miley Cyrus, super gnocca e mia eterna style icon. Perennemente nei front row più ambiti, contesa dagli stilisti. E per forza! Il suo stile a metà tra il gotico e il grunge e i suoi capelli argentati fanno scuola. Ama i capi neri, le trasparenze, l’oversize. Patita di stivali, stivaletti, platform shoes. La adoro!

4228-le-21eme-adam-katz-sinding-sky-ferreira-paris-fashion-week-spring-summer-2013_aks1273

dsc_1906

sky-ferreira-stylist-ian-bradley-02_093235849212

skyferreirayvessaintlaurentfallwinterupedidcoqjgx

tumblr_nxb9m5vtqc1sstpxlo2_1280

Cose fiche che non ho i soldi per comprare: Il bralette

Ora di mostrare la mercanzia! Alzi la mano chi, in un momento di eccessivo slancio alla “ma quanto mi sento Dita Von Teese oggi“, non si sia ritrovata con un reggiseno tutto pizzi e merletti da femme fatale o un top striminzito nel cassetto. Niente panico! Il bralette a vista è fichissimo: con una longuette o dei pantaloni a vita alta, o portato sotto il blazer o il cappotto, fa subito Dolce & Gabbana. De no’antri, ma pur sempre Dolce & Gabbana.Cose fiche che non ho i soldi per comprare: il bralette

 

Monday Sucks: Cosa mi ha insegnato Carrie Bradshaw sulla moda

Io, a Carrie Bradshaw, erigerei una statua d’oro. O meglio, la erigerei a quel genio del male che è Patricia Field, la costumista di Sex And The City. Nessun, e sottolineo NESSUN, personaggio del cinema o della TV ha cambiato la moda come Carrie. E nonostante, forse, sia meglio non seguire le sue regole in amore, ci sono tante regole di stile che si possono imparare da CB.

  • Fuori la panza

Che tu abbia gli addominali di acciaio di Sarah Jessica Parker o meno, poco importa. Quei cinque centimetri di pelle scoperta sulla pancia sono super sexy. Anche dopo il 2003. E se non tutt* siamo ancora psicologicamente pront* per una gonna a matita a righe orizzontali e un marsupio Gucci, possiamo serenamente sperimentare con le lunghezze e tirare fuori un po’ di panza.

  • L’insostenibile leggerezza del tulle

Ne abbiamo parlato varie volte: dobbiamo ringraziare Carrie se oggi, anche se abbiamo superato abbondantemente l’età di 10 anni, possiamo indossare una gonna di tulle senza vergogna. Con un top sportivo, come nel nostro Cazzo mi metto #17, è perfetta. Grazie Patricia. Grazie.

  • Un cappotto ti salverà

Ricordate quell’epica puntata in cui Carrie, nella notte di Capodanno, corre in pigiama, pelliccia e cappellino sequin sotto la bufera di neve per andare da Miranda? Ecco. Stiamo parlando proprio di quello: un bel cappotto può tirarti fuori dalle situazioni (e outfit) più improbabili con classe, eleganza e dignità.

  • OSA SENZA PAURA

Questa è, a mio avviso, la regola più importante. Che è anche un po’ la “morale” di Sex And The City: fregatene. Vivi. Metti ciò che vuoi. Sorprenditi. Non ci sono regole nella moda: se ti piace, indossalo. L’ossessione che abbiamo oggi per la moda ci sta facendo dimenticare questa cosa importante: gli abiti sono il biglietto da visita della nostra personalità. Vogliamo davvero che la nostra personalità sia ingabbiata da regole scelte dagli altri?

The most exciting, challenging and significant relationship of all is the one you have with yourself. And if you find someone to love the you you love, well, that’s just fabulous.